Massimo Bossetti Oggi

Spargi l'amore
Massimo Bossetti Oggi
Massimo Bossetti Oggi

Massimo Bossetti Oggi – Il 26 febbraio 2011 Yara Gambirasio, 13 anni, è stata trovata morta a seguito di un atto criminale. Dal 26 novembre 2010 risultava scomparsa. La brutalità del delitto, l’arresto e la successiva assoluzione di un primo sospettato, le circostanze del ritrovamento del cadavere e, soprattutto, l’ampia indagine condotta sulla popolazione locale mediante l’esecuzione del test del DNA su 25.700 persone, che ha permesso di accertare identificazione dell’assassino, hanno contribuito alla rilevanza mediatica del caso. Il 12 ottobre 2018, a seguito di relativi procedimenti giudiziari, è stato condannato all’ergastolo Massimo Giuseppe Bossetti, muratore di Mapello il cui movente imputato era la violenza sessuale.

E ‘così semplice.

Nata il 21 maggio 1997, Yara Gambirasio (oggi dieci anni), residente a Brembate di Sopra, frequenta le 17:30. pratica di ginnastica ritmica ogni martedì di novembre. Diversi testimoni confermano che è rimasta fino alle 18:40 circa, dopodiché è scomparsa.Le telecamere del centro sportivo sono danneggiate, quindi da esse non si può ricavare alcuna informazione su quanto accaduto alla ragazza.

La cella di Ponte San Pietro in via Adamello è stata raggiunta alle 18:44, la cella di Mapello è stata raggiunta alle 18:49., e alle ore 18,55 è stata raggiuntain via Ruggeri, presso la cella Brembate di Sopra. Il segnale si perde brevemente, per poi ricomparire in un secondo momento.

La composizione di Mohammed Fikri

Un uomo marocchino di nome Mohammed Fikri, 22 anni, è stato arrestato il 5 dicembre 2010, dopo che la sua nave era stata catturata mentre era in rotta verso Tangeri. Fikri aveva lavorato nel cantiere di Mapello, dove si diceva che i segugi molecolari avessero scoperto gli ultimi resti di Yara.

Da quando è stata scoperta un’intercettazione in cui la dipendente parlava arabo, viene interrogata sulla ragazza scomparsa; tuttavia, poiché le frasi “che Dio mi protegga” sono state tradotte in “che Dio mi perdoni”, l’intercettazione è priva di significato. Il lavoratore non avrà alcun ruolo in tutto ciò.

Quando fu scoperto il cadavere

Il 26 febbraio 2011, a circa 10 chilometri a sud-ovest di Brembate di Sopra, un costruttore di modellini di aeroplani ha scoperto il corpo di Yara in un campo. Era scomparsa da tre mesi esatti. Sul corpo erano visibili diversi colpi alla testa, un grave taglio al collo e almeno sei coltellate. Nei mesi successivi all’incidente, si ipotizzò che le vittime fossero morte a causa delle ferite riportate e degli elementi.

Non ci sono segni esteriori di stupro.La sepoltura di Yara, avvenuta nel centro sportivo dove si allenava e alla presenza di centinaia di persone il 28 maggio, è stata officiata dal vescovo di Bergamo, Francesco Beschi. Durante il funerale viene letto anche un messaggio del presidente del Paese.

L’arresto di Massimo Bossetti e “Ignoto 1”

Un muratore di 44 anni di Mapello di nome Massimo Giuseppe Bossetti, senza precedenti penali, è stato arrestato il 16 giugno 2014 dopo che il suo DNA nucleare corrispondeva a quello dell’uomo identificato come “Sconosciuto 1”, il cui DNA è stato trovato sui pantaloni di Yara nella zona trafitta dall’arma del delitto. L’ex ministro dell’Interno italiano Angelino Alfano ha reso pubblico l’arresto, guadagnandosi l’ira della procura di Bergamo .

Massimo Bossetti Oggi

Seguiamo un lungo percorso di prove che ci porta a Bossetti, a cominciare dalla scoperta che “Ignoto 1” condivide un aplotipo Y con un frequentatore di una discoteca vicino al luogo del ritrovamento del cadavere .

Alla fine, con l’aiuto del fidato collaboratore di Guerinoni in merito ad un contatto affettivo avuto dall’autista con un’altra persona molti anni fa, la signora il cui DNA nucleare secondo il profilo “Ignoto 1”, si sarebbe trattata di Ester Arzuffi, una donna sulla quarantina.L’assenza dell’allele 26 in Guerinoni suggerisce che sia stato trasmesso per via materna.

Il DNA nucleare di Massimo Bossetti, uno dei due figli di Arzuffi, è stato prelevato durante un controllo stradale e confrontato con quello della vittima . La prova del DNA presentata dall’accusa dimostra sostanzialmente che Bossetti è lo “Sconosciuto 1”.

L’accusa sostiene inoltre che il furgone di Bossetti sarebbe stato ripreso più volte a causa delle telecamere di sorveglianza a livello stradale installate all’esterno della palestra Yara. Tuttavia, il colonnello del RISLago ha ammesso che il film è stato realizzato in collaborazione con la Procura di Bergamo per la comunicazione alla stampa.

La difesa sostiene che la mancanza di Dna mitocondriale nella traccia genetica ritrovata ed esaminata non prova l’innocenza di Bossetti. La difesa può utilizzare il DNA mitocondriale trovato nel campione 31-G20 per determinare che non è stato raccolto né dalla vittima né da Bossetti.

Mentre alcuni genetisti dell’accusa sostengono che il pattern elettroforetico non può essere interpretato con alcun grado di certezza, l’accusa sostiene che si tratta di una prova dell’eteroplasmia di Yara e difende l’affidabilità del test sulla base del fatto che si tratta pur sempre di DNA, indipendentemente se è nucleare o mitocondriale.

Bossetti, che susoffriva di regolari perdite di sangue dal naso, si affrettò a protestare la sua innocenza dopo aver scoperto che molti dei suoi strumenti erano stati rubati e macchiati del suo sangue. Ha attribuito la colorazione ad uno scambio casuale di DNA.

La moglie di Bossetti sostiene che il marito era in casa con lei la notte del delitto, ma la procura non ha trovato prove a sostegno delle sue affermazioni. Intanto la sorella gemella di Bossetti ha denunciato di essere stata vittima di misteriosi attentati.La Procura della Repubblica di Bergamo ha concluso formalmente le indagini il 26 febbraio 2015, dopodiché è stata depositata una richiesta di rinvio a giudizio e Massimo Giuseppe Bossetti è stato nominato unico imputato.

Invece, la difesa ha chiesto il suo rilascio per poter decidere se chiedere o meno un processo rapido e presentare la propria causa, che si basa sull’affermazione che il DNA mitocondriale minoritario appartiene a qualcun altro, che chiamano “Unknown 2” . Il Dna di Bossetti sarebbe stato contaminato nel processo di identificazione con lo Sconosciuto 1, secondo la difesa, coadiuvata dal criminologo e consulente di partito Alessandro Meluzzi. La difesa vuole anche un’indagine sui titolari dei numeri di telefono presentinell’elencodelcellularediYara,

Massimo Bossetti Oggi
Massimo Bossetti Oggi

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock
error: Il contenuto è protetto !!