Maria Rita Parsi Malattia

Spargi l'amore
Maria Rita Parsi Malattia
Maria Rita Parsi Malattia

Maria Rita Parsi Malattia – Maria Rita Parsi ha lavorato come psicologa e psicoterapeuta per quasi quattro decenni, e in tutto questo tempo ha visto innumerevoli casi che coinvolgono ragazze che sono state vittime di stupro e dei suoi postumi. Sai tutto su Noa Pothoven, la diciassettenne che si è suicidata a causa delle sue lotte con PTSD, depressione e anoressia.

Possibile che la ragazza non sia stata adeguatamente seguita? Lo trovo abbastanza improbabile. L’Olanda, a differenza dell’Italia, ha maggiori risorse per affrontare questo problema. C’è un facile accesso a consulenti, centri di cura e persino la prospettiva di ricevere cure gratuite. C’è un sistema in atto che può aiutarti. Non la pensano come noi, la mentalità è straniera.

La convinzione che la vita sia un dono è diffusa in Italia, ma non deve mai diventare banale o scontata. Da quanto ho potuto constatare in tanti anni trascorsi ad ascoltare il dolore degli altri, posso affermare con certezza che la vita è un dono quando si ha speranza, si è sicuri di avere un futuro, si può immaginare un futuro in cui si vive con gli altri.

Molte persone saranno pronte a giudicare la ragazza in questo momento, ma prima di farlo, dovrebbero mettersi nei suoi panni e sentire il dolore della morte che l’ha circondata per tutta la sua esistenza. Uno dei libri più belli che ho letto di recente è “Ingrati: la sindrome rancorosa del beneficiario”, della psicologa Maria Rita Parsi.

In esso descrive i processi mentali che avvengono nella mente delle persone che chiedono aiuto, lo ricevono e poi scelgono di rifiutarlo. Oppure potrebbe pugnalarti alle spalle. E nella mente di chi il benefattore fa del suo meglio e non riceve grazie? Chi è ingrato «non vuole riconoscere agli altri che ha avuto bisogno, che si è trovato in uno stato di impotenza, ” aggiunge Parsi. Quindi,

deve “rimuovere” il testimone di quel momento di vulnerabilità, senza apprezzarlo né sminuirlo. Nel corso della mia vita professionale, e specialmente negli ultimi anni, sono stato al centro di attacchi non provocati, mal interpretati di proposito e aggrediti fisicamente. La persona che aveva ricevuto la mia devozione più genuina,

senza riserve e innegabilmente ingenua era quasi sempre quella che scagliava la freccia. Nessuna vergogna nella sconfitta per me. Inoltre, non ho più l’impulso di aiutare gli altri oltre le mie possibilità, una caratteristica che avevo precedentemente perso a causa della saggezza dell’età. Ma da queste prove sono emerso più resiliente e consapevole di me stesso,

meno disposto ad accontentarmi. A prescindere da questo e dai tanti “giuda” che ho incontrato, il mio obiettivo è sempre stato lo stesso: diffondere felicità e benevolenza ovunque io vada. Rendere qualcun altro più consapevole e produttivo mi rende felice, così come sapere che la mia stessa vita può servire da esempio e motivazione per gli altri.

Mentre sono intrinsecamente intriso di solidarietà, valuto la mia incapacità di percepire il male che giace nel mio prossimo, di esporre i doppi volti, di difendermi dalla malizia e di proteggermi. La vita lavorativa mi ha insegnato che le persone rispondono meglio al sì che al no. Di conseguenza, mi viene naturale concentrarmi sul lato positivo,

vedere le possibilità e avere una fede incrollabile nelle persone con cui vengo in contatto. E scelgo di avere fede nonostante le battute d’arresto. Non so perché, ma mi sembra di finire sempre per farmi male dalle persone che mi sono prodigato per aiutare, quelle a cui ho dato senza chiedere nulla in cambio e senza pretendere assicurazioni di alcun tipo .

Fidarsi degli altri è qualcosa che trovo istintivo, morale e stimolante. Questo è il motivo per cui l’emozione rabbiosa comunemente nota come “ingratitudine” rimane per me un mistero. Mi sconcerta che alcuni individui possano essere così ostili nei confronti di altri che gli hanno fatto del bene, specialmente quando quelle persone dedicano tutto il loro essere a danneggiarli,

danneggiarli e denigrarli. Questa è la tesi ben illustrata e diffusa del libro di Maria Rita Parsi “Sindrome Rancorosa del Beneficato”, in cui l’autrice sostiene che chi ha ricevuto un beneficio è incline a nutrire un rancore sordo e ingiustificato nei confronti del suo benefattore a causa della evidente “debito di gratitudine” che questo crea.

Maria Rita Parsi Malattia

Questo è un vantaggio che “dovrebbe” realizzare da solo, ma non lo fa mai. Al punto da ignorarlo, rinnegarlo o sminuirlo, o addirittura trasformarlo in un fardello da cui liberarsi, e trasformare il Benefattore stesso in una persona da rimuovere, dimenticare e calunniare se necessario. Cose del genere mi sono successe negli ultimi anni,

ma sempre al lavoro e raramente nella mia vita personale. La cosa peggiore è quando le cose vengono fatte di nascosto, con discrezione e sottilmente. Tutto riflette qualcos’altro, l’ho sempre riconosciuto. Gli insicuri sopprimono la loro ansia, l’egoistico inveire contro il proprio egoismo, ei ricchi, per i quali è stato riservato il più grande atto di carità disinteressata,

si accusano di venalità. Per fortuna, ho il mio mondo, che è completo sotto ogni aspetto: sono al sicuro, protetto e circondato da amici e alleati affidabili. Per individuare un pe gratorson, ho riflettuto se fosse necessario prima sopportare l’ingratitudine. Inoltre, questo mi incoraggia a non sentirmi completamente sconfitto e vergognoso. Per questo sono come la fenice araba,

che rinasce dalle sue ceneri molto più forte e più bella di prima. Una porta non può chiudersi finché non se ne apre un’altra, come recita un vecchio adagio. Non so dire se quei cancelli fossero reali, se ce ne sarebbero altri simili o se li ho appena fatti. Se o se queste prove facciano parte del piano di Dio per rendermi più forte, non posso dirlo. Qualunque sia il caso, ognuno è costretto ad agire secondo il proprio carattere intrinseco. Nel suo saggio “Ingrati”, Maria Rita Parsi discute ciò che lei chiama.

Maria Rita Parsi Malattia
Maria Rita Parsi Malattia

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock
error: Il contenuto è protetto !!