Barbara Gruden Compagno

Spargi l'amore
Barbara Gruden Compagno
Barbara Gruden Compagno

Barbara Gruden Compagno – Nata a Trieste e corrispondente dalla Germania per la Rai, Barbara Gruden lavora come giornalista. Ha iniziato a lavorare per un giornale quando era un’adolescente e ha trascorso tutta la sua carriera coprendo storie di crimini. Vale a dire: dal 2017 è inviata da Berlino del Tg3.

Di seguito i dettagli sul background e la carriera professionale di Barbara Gruden. C’è qualche incertezza sulla data di nascita di Barbara Gruden, tuttavia sappiamo che è nata a Trieste. Ha affermato di aver esplorato attivamente il panorama della conoscenza fin da bambina. Ho iniziato a lavorare per Primorski Dnevnik.

il giornale da cui mi hai assunto, quando ero ancora al liceo. È stato lì che ho iniziato a lavorare nel settore dopo essermi laureato nel 1988, occupandomi di reati”.Successivamente ha lavorato per TriesteOggi, il Gazzettino e altri quotidiani nazionali prima di entrare a far parte della redazione slovena della Rai in Friuli-Venezia Giulia nel 1995.

Barbara Gruden è stata nominata dalla redazione italiana FVG dopo anni di incertezza tra Trieste e Roma. Inoltre, la sezione Estero è sempre stata l’interesse primario della giornalista, che ora, grazie al Giornale RadioRai, sta lavorando in quel campo. Poi è passata al Tg3, dove nel 2017 ha ottenuto l’incarico di inviata da Berlino.

Durante tutto il processo di selezione interna, le competenze del giornalista nel territorio e nella lingua sono state messe a frutto. Il mio primo viaggio è stato da bambino molto piccolo nel 1981, e ha comportato l’attraversamento di confini fortemente fortificati e un muro in autobus. Ho infatti conseguito la laurea triennale in Germanistica con Claudio Magris.

e non ho mai smesso di andarci. Per riassumere, Berlino era tutt’altro che una “terra incognita”, anche se ha subito una trasformazione drammatica, passando da una città emarginata e calpestata, matura per l’ambiente culturale si pensi ad alcuni dei migliori dischi di Bowie alla capitale di una città riunificata. Germania.

E poi ci sono tutti i vantaggi che derivano dall’essere una città importante, come una vivace scena artistica sono stato a spettacoli di Barenboim e Petrenko, per citare solo due esempi e l’accesso a una vasta gamma di offerte culturali. Poi ci sono le produzioni di prim’ordine provenienti da tutto il mondo.

tutte eseguite a prezzi stracciati. I biglietti per il teatro sono più economici dei biglietti per il cinema per bambini. Tuttavia, la qualità della vita è paragonabile a quella di una piccola città, con un traffico gestibile, abbondanti piste ciclabili, ampi parchi urbani e un facile accesso ai vicini boschi e laghi con i mezzi pubblici o in bicicletta.

Inoltre, occasionalmente mantiene lo spirito anarchico, creativo e bohémien dell’era pre-wall. Per quanto ne sa, Barbara Gruden non ha mai confermato o smentito le voci secondo cui è sposata, fidanzata o madre. In questo periodo di regolari aggiornamenti mondiali sull’epidemia, Barbara Gruden.

triestina e giornalista tedesca della Rai, è diventata un volto noto in numerose dirette.
Dedizione che risale a diversi decenni e una passione precoce per il campo del giornalismo.
Afferma: “Volevo farlo da quando ero bambina” e che ha iniziato sul campo dopo essersi diplomata al liceo ed essere stata reclutata da Primorski Dnevnik nel 1988.

Barbara Gruden Compagno

dove ha coperto storie di crimini tra gli altri ritmi. Successivamente, nel 1995, sono entrato a far parte della redazione slovena del Fvg dopo essere stato impegnato con Trieste Oggi e il Gazzettino, e aver collaborato con quotidiani a livello nazionale. Dopo sei anni tumultuosi trascorsi a fare il pendolare tra Trieste e Roma.

sono stato assunto come redattore per FVG in Italia. Una nuova modalità di selezione interna nel 2017 ha portato alla mia nomina ad inviato del Tg3 e, infine, all’approdo all’estero, mio interesse storico, nel 2004. Tra questi figurano Lucia Goracci e Carmela Giglio a Istanbul, Oliviero Bergamini a New York , e Sergio Paini a Mosca, come ricorda, che furono tutti scelti.

Anche per la Rai è stato un bel momento! Barbara sta “gradualmente” lasciando Trieste, avendo trovato il modo di conciliare la vita lavorativa nomade con le responsabilità familiari. Roma, con un bambino di due anni, è stato il periodo più estenuante ed esaltante della mia vita. È stato anche il primo grande salto “nel buio”.

Mio figlio, che allora aveva 16 anni, era pronto per un cambio di scenario, quindi il trasferimento a Berlino è stato piuttosto agevole, ma essere separato da mio marito è stata una grande sfida.
Eppure Berlino era già stata scritta nel destino professionale di Barbara, molto prima dell’attuale trasloco.

anche se lei allora non se ne rendeva conto. Spiega che ha visitato la città per la prima volta da bambina nel 1981, quando ha preso un autobus attraverso i posti di blocco militari e ha visto il muro per la prima volta. Ho infatti conseguito la laurea triennale in Germanistica con Claudio Magris.

e non ho mai smesso di andarci. Per riassumere, Berlino era tutt’altro che una “terra incognita”, anche se ha subito una drammatica trasformazione, passando da una città emarginata e oppressa, matura per l’ambiente culturale si pensi ad alcuni dei migliori dischi di Bowie alla capitaledi una Germania riunificata.

E poi, continua, ha tutti i vantaggi di una grande città, inclusa una fiorente scena culturale con musei e sale da concerto di livello mondiale dove ho visto e ascoltato luminari come Barenboim e Petrenko. Poi ci sono le produzioni di prim’ordine provenienti da tutto il mondo, tutte eseguite a prezzi stracciati.

I biglietti per il teatro sono più economici dei biglietti per il cinema per bambini. Tuttavia, la qualità della vita è paragonabile a quella di una piccola città, con un traffico gestibile, abbondanti piste ciclabili, ampi parchi urbani e un facile accesso ai vicini boschi e laghi con i mezzi pubblici o in bicicletta.

Parte del carattere caotico, artistico e bohémien dei giorni pre-muro persiste. Come sta gestendo la crisi il Comune alla luce degli eventi legati al Covid19? Nessun blocco italiano si è mai verificato a Berlino prima d’ora. A causa della struttura federale della Germania, dove il governo federale stabilisce la politica e i governi statali.

Barbara Gruden Compagno
Barbara Gruden Compagno

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!