Pino Rinaldi Incidente

Spargi l'amore
Pino Rinaldi Incidente
Pino Rinaldi Incidente

Pino Rinaldi Incidente – Tragedia domenica pomeriggio a quota 1.391 metri sopra Sale Marasino, nei pressi di Punta Almana. Conosciuto e apprezzato da moltissimi paracadutisti, tra cui Giuseppe Rinaldi, esperto ed appassionato di 58 anni che perse tragicamente la vita mentre effettuava un volo di routine.Purtroppo la giornata di ieri è finita tragicamente per lui. Le prime stime suggeriscono che intorno alle 16:40, mentre Rinaldi galleggiava sopra Sale Marasino, sia stato investito da una rapida e violenta corrente termica; questo non sarebbe stato il risultato né del fallimento né dell’incoscienza da parte sua.

La torsione del paracadute attorcigliato di Rinaldi lo ha fatto schiantare contro le rocce quando si è sgonfiato su un lato. I suoi compagni di viaggio non hanno perso tempo a chiamare i soccorsi e quando sono arrivati un’ambulanza, un camion dei pompieri, la polizia di Chiari e un’eliambulanza, per Rinaldi era troppo tardi. Le attività di identificazione e recupero della salma sono state lunghe, concludendosi intorno alle 19:00.Rinaldi ex ristoratore si è trasferito da Provaglio d’Iseo a Bornato di Cazzago San Martino, dove ora ha un posto fisso nel mondo degli affari. Sua moglie, Mara, ei loro tre figli, di 28, 22 e 16 anni, sono rimasti indietro.

Per ragioni che non sono ancora chiare, stava guidando sulla traiettoria di un camion in arrivo. L’impatto frontale ha provocato ferite mortali. E’ avvenuto nel sobborgo milanese di Truccazzano, sulla provinciale di Rivoltana. Lunedì alle 19:30 si è verificato un terribile incidente.Rinaldi, che aveva 51 anni, era nato a Melzo ma ora si è stabilito ad Arcene, nel bergamasco. Sua moglie e due bambini piccoli vengono lasciati indietro.L’arrivo del personale del 118 è stato del tutto inutile. La morte dell’uomo è stata immediata. L’operatore del camion è scampato alle ferite.

Dalla centrale operativa del Pronto Soccorso Regionale sono stati inviati sia un’ambulanza che un’automedica a codice rosso.Il traffico della strada, normalmente intenso, è stato bloccato per diverso tempo affinché la Polizia Locale di Truccazzano potesse effettuare i rilievi necessari a ricostruire con precisione la dinamica. Vigili del fuoco e pattuglie dei comuni limitrofi Bellinzago Lombardo e Pozzuolo Martesana sono sul luogo di un grave incidente automobilistico sulla strada provinciale Rivoltana a Trucazzano, nel bergamasco.Gualtiero Giuseppe Rinaldi, 51 anni, originario di Melzo e agente immobiliare, ha attraversato la corsia e si è schiantato contro un camion aziendale a Casirate.

L’uomo, sposato con figli piccoli, è rimasto intrappolato.Non c’era nebbia al momento dell’incidente, ed è avvenuto su un tratto di strada rettilineo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Milano Messina, il servizio medico del 118, un’ambulanza della Croce Bianca di Rivolta d’Adda e due pattuglie della Polizia Locale. Il più grande evento del mondo, la gara del secolo, il più grande spettacolo FPV di sempre.Puoi etichettarlo come preferisci, ma non si può negare che il WDP Dubai sia stato un successo strepitoso.

Abbiamo incontrato il corridore della squadra campione in carica, Giuseppe Rinaldi, e gli abbiamo posto alcune domande per i lettori del nostro blog. Ciao, Giuseppe, e benvenuto nel Blog di InfoDrones; possiamo chiederti cosa ti ha portato a Dubai?Ciao Simona! Sono stato un concorrente circense per un po’ di tempo, e il fatto di aver vinto concorsi in Italia e di aver partecipato a eventi internazionali mi ha giovato enormemente.Ma ho incontrato MetallDany, un famoso pilota olandese, in Francia, e mi è stato di grande aiuto.

Pino Rinaldi Incidente

Dopo averlo aiutato a saldare i cavi del suo drone, si è invaghito di me e alla fine mi ha presentato ad alcuni dei Team Manager del WDP, che mi hanno inserito nella rosa dei potenziali concorrenti.
Inutile dire che sono stato scelto. Il mio team comprendeva pianificatori, tecnici, autisti e un sacco di altre persone.Il fatto è che non abbiamo avuto molto tempo per prepararci a questa competizione perché non abbiamo ricevuto istruzioni chiare sul suo sviluppo fino alla fine e non avevamo idea di quale sarebbe stato il miglior mezzo di preparazione fino a quel momento.


Per fare un esempio concreto, sono stato squalificato dall’uso del drone del turno di qualificazione nelle finali perché dovevo cambiare le batterie.Luke Bannister è stato il re indiscusso del torneo e il resto del nostro affiatato gruppo ha lavorato instancabilmente per raggiungere il nostro comune obiettivo di vittoria.Cosa ne pensi della decisione dei giudici di non farti ripetere l’esame a causa dell’incidente in cui sei rimasto coinvolto?Purtroppo è solo una parte del gioco, anche se il giorno dopo il mio incidente hanno modificato il regolamento. Se un drone si schianta entro i primi dieci secondi dal decollo, il round dovrebbe ricominciare da capo.

Immagino che il prossimo anno sarà la mia occasione. Senza dubbio, e se mi avessero detto che il mio gruppo avrebbe dovuto ripetere la gara a causa del mio incidente avrei detto di no, mettendo a rischio la qualifica di Luke.Il leader della Squadra Mobile di Palermo, intervistato da Rai3 per un nuovo progetto in onda il sabato in seconda serata, ha affermato che il modo migliore per conoscere le corse in FPV era quello di unirsi a un gruppo, meglio se del proprio paese, e di immergiti gradualmente nel bellissimo mondo delle corse FPV molto costoso b ma altrettanto divertente.

Il concept di “Commissari, sulle tracce del male” è stato ideato da Pino Rinaldi, e lo spettacolo prevedeva l’assistenza della Polizia di Stato. Uno sguardo a come le indagini di alcuni detective della polizia su notizie di cronaca giudiziaria abbiano lasciato un effetto indelebile sulla loro umanità. Diverse città in Italia hanno assistito a crimini, omicidi e violenze, che alla fine sono stati indagati da una squadra di investigatori.Ogni episodio è incentrato su un detective diverso la cui indagine è al centro di quell’episodio.

Pino Rinaldi lo intervisterà e le sue parole saranno il fulcro di una narrazione che attinge anche a foto, filmati d’archivio e ricordi di altri che erano presenti durante le indagini e si sono finalmente confrontati con il criminale.Nell’episodio 4, intitolato “Effetto Domino”, conosceremo le violenze scoppiate per le strade di Lamezia Terme nel 2011 a causa di faide territoriali tra clan rivali. Dopo un’operazione importante.

Pino Rinaldi Incidente
Pino Rinaldi Incidente

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock
error: Il contenuto è protetto !!