Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia

Spargi l'amore
Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia
Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia

Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia – Ripercussioni negative ma anche positive, come capire finalmente qualcosa che prima ti era sfuggito. Il messaggio di Carmen Scurini alle persone che stanno affrontando la malattia è cristallino. Un messaggio dal tono speranzoso, ispirato dalla ritrovata consapevolezza di sé di Carmen dopo aver superato due tumori. Sebbene i due tumori non siano correlati, ognuno di loro ha lasciato il proprio segno unico su di lei.

Ha cercato un aiuto professionale per la sua salute mentale e ha cercato di migliorare il suo aspetto fisico facendo affidamento su quella che lui chiama la sua “vanità”, che non è altro che una grande forza d’animo mentale che l’ha portata a fare sempre del suo meglio in termini di il suo aspetto. Anche se Carmen, un’endocrinologa,

non aveva una storia familiare di cancro e aveva esami meticolosamente programmati, il primo tumore non si è manifestato fino all’età di 39 anni nel 2004. Dopo la prima diagnosi di mastite, alla paziente è stato successivamente scoperto di avere il cancro e ha subito un’intensa chemioterapia, un’operazione e il successivo shock settico che ha richiesto diversi giorni nell’unità di terapia intensiva.

Sono passati quindici anni e il tumore ei sintomi che lo accompagnano sembrano essere storia passata. Nel mese di marzo del 2018, Carmen e suo marito decidono di fare una vacanza in Andalusia. Quando abbiamo mangiato insieme, sottolinea, “ho avuto strani rutti, come conati di vomito, di notte”. Mi hanno diagnosticato un’ernia iatale anche se non avevo sintomi come nausea,

vomito o mal di stomaco. Dopo aver subito una TAC, è stato stabilito che aveva una stenosi pilorica, una condizione spesso osservata nei pazienti più giovani. Il dottore non è ancora convinto, quindi le consiglia di visitare il Cro di Aviano. Una procedura laparoscopica rivela un’area bianca all’esterno dello stomaco,

sollecitando ulteriori indagini con un metodo su misura per le sue esigenze: una biopsia tangenziale dello stomaco. Tre precedenti gastroscopie avevano dato esito negativo. Carmen viene rimandata a casa dopo che i test iniziali sono risultati negativi, presumibilmente con motivo di sollievo. La conferma istologica, però, porta con sé una diagnosi devastante: cancro allo stomaco.

Dopo una giornata in spiaggia con le sue amiche, suo marito le racconta cosa hanno combinato lui e il resto della famiglia. Carmen sta ricominciando da capo il processo di chemio, ma questa volta avrà il suo cucciolo al suo fianco per alleviare il carico emotivo. Claudia Santangelo, una vera famiglia allargata, apre le porte dell’Associazione ‘Vivere senza pancia si può’.

Anche il professor Giovanni De Manzoni di Verona ha eseguito un intervento chirurgico. Ho scelto luoghi con la fortuna di essere trattati eccezionalmente bene. I malati di cancro richiedono cure tempestive e suo marito è raramente lontano da lei. Dice: “L’ho messo al primo posto perché penso che avesse un dolore che non può essere descritto”,

il che è probabilmente vero data la sua formazione come genetista e la sua comprensione di la gravità della malattia. Sembrava perennemente allegro, tuttavia. Continua Carmen: “Purtroppo non posso dire di aver vinto a pieno; era troppo poco, e il tumore era molto aggressivo; ma forse ho vinto sulla vita e sulle sue incertezze”. avversità,

strappando le unghie e imparando ad ammirarne le bellezze, a gioire e approfittare dei momenti belli, ad essere felici anche solo con una sana normalità. La vita dopo, anche se la vita come dovremmo ricordarla, è complicata e dolorosa per certi versi, se è esatto il detto che “si può vivere senza stomaco”.

Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia

Quello che mi manca di più della vita è avere buon cibo e buona compagnia con persone meravigliose, provare nuove ricette e sperimentare nuovi sapori e tradizioni da tutto il mondo. Tuttavia, scrive, «accanto agli aspetti negativi, ce ne sono altri positivi e miracolosi», come la vitalità che si sente ancora dopo ore di cammino in un paese straniero, riempiendo gli occhi di panorami,

dando e ricevendo compassione. Quando finalmente capisci cosa ti sei sempre perso.” Carmen Lasorella è una pioniera nel campo del giornalismo, essendo stata una delle prime a condurre un telegiornale e la prima giornalista italiana a ricoprire il ruolo di corrispondente di guerra per la televisione È stata per decenni un pilastro della televisione pubblica italiana,

anche in ruoli amministrativi, prima di passare, per qualche anno, alla conduzione dell’emittente nazionale di San Marino.Anche se è nata in Lucania, ha vissuto per decenni a Roma e Si considera una cittadina del mondo.Famosa per i suoi reportage ‘internazionali’, ha lavorato anche come giornalista in Germania e nei paesi dell’Europa dell’Est,

ha scritto e condotto programmi televisivi ed è stata elogiata per i suoi saggi e rubriche sui giornali. Cultura”, ha moderato alcune delle discussioni più coinvolgenti. Lo stato delle cose è, a mio avviso, pessimo. Le guerre creano abissi di disumanità; condividono somiglianze pur essendo distinte. L’orrore rimane lo stesso e non smette mai di scioccare perché sfida la convinzione che tale brutalità inimmaginabile sia ottenuta con una raccolta di armi che ignorano le regole,

mentre l’evasione è uncontro il più debole diventa lo standard. Ho discusso del conflitto che si è verificato a cavallo tra il XX e il XXI secolo. Cioè, fino alla crisi di Beirut del 2006. La mia esperienza in questo campo dura da 15 anni. Paesi in Asia, America Centrale, Balcani, Medio Oriente e Africa. È stato un grande sforzo. Mi sentivo senza speranza, arrabbiato e frustrato,

ma ogni volta che toccavo i fatti, ero proprio dove dovevo essere. Quando finalmente sono tornato a casa, ho pagato il conto; era una lezione costosa. La mancanza o la brusca interruzione del sonno si sono verificate frequentemente. Dopo aver lasciato la professione, spero di dare una sorta di contributo analitico. Un giornalista non smette mai di lavorare.

C’è una guerra in corso proprio nel mezzo dell’Europa. Ce ne sono stati altri dalla seconda guerra mondiale, tra cui il Kosovo e la Bosnia, entrambi avvenuti oltre un decennio fa. Ci sono state altre guerre come questa, con aggressori e vittime, ma il conflitto in Ucraina è quello di cui ricordo di aver sentito parlare di più.

Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia
Tumore Oggi Carmen La Sorella Malattia

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO
error: Il contenuto è protetto !!