Ravanelli Malattia

Spargi l'amore
Ravanelli Malattia
Ravanelli Malattia

Ravanelli Malattia-Sabato 18 giugno è in programma nella sala convegni della Residenza Chianelli la festa di anniversario dell’Associazione Volontari Piede Diabetico dell’Umbria (AVPDU).
Tra i partecipanti ci sarà Andrea Romizi, sindaco di Perugia. Saranno presenti Franco Moriconi, Rettore, e Fausto Cardella, Procuratore Generale della Corte d’Appello.
L’ex calciatore del Perugia, della Juventus e di molti altri club, Fabrizio Ravanelli, è il testimonial dell’AVPDU e l’uomo dietro questa campagna. Forse sottovalutiamo l’importanza di prenderci cura dei nostri piedi.

Dovresti sapere che ho fatto il lavoro in piedi.Sebbene il diabete sia un formidabile nemico, può essere sconfitto prima che causi seri problemi ai piedi. Tuttavia, il lavoro di questo gruppo negli ultimi sette anni dimostra che i contributi di qualsiasi dimensione sono benvenuti e necessari. Andiamo avanti e facciamo il prossimo passo disponibile.” Alla fine della giornata, i premiati saranno annunciati per il loro eccezionale contributo alla battaglia contro le complicanze del piede diabetico.Presentare i risultati degli ultimi sette anni di lavoro e discutere i piani per il futuro è lo scopo di questo incontro.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla necessità di prevenire e curare questa condizione debilitante, che colpisce non solo il paziente ma anche i suoi cari e la comunità più ampia. A un numero crescente di persone viene diagnosticato il diabete e la clinica del piede diabetico dell’ospedale (sotto la direzione del Dr. Vermigl ha curato lo scorso anno 4.300 pazienti ambulatoriali e 2.400 ricoverati). Per questo motivo è nata l’Associazione (conta circa 500 membri, ma una vi gravita un numero molto maggiore di parti interessate

Il sindaco di Perugia, Romizi, ritiene che il livello di civiltà di una comunità si possa misurare dalla forza dei suoi gruppi di volontariato. Sono loro che trovano soluzioni a problemi che solitamente non vengono affrontati a livello istituzionale, e questo vale soprattutto nell’era attuale, non certo facile per i servizi pubblici. Quando si affrontano questioni che causano angoscia a molte persone o minacciano il loro tenore di vita, questo diventa ancora più cruciale. Tutte le risorse della città devono essere dispiegate in prima linea per combattere una malattia devastante come il diabete e le sue complicanze”.

Fabrizio Ravanelli è stato un calciatore fantastico, orgoglioso di indossare la maglia della Juventus. Ravanelli è scoppiato in lacrime durante la trasmissione “Vieni da me” da quando ha parlato così apertamente della sua vita personale. L’ex attaccante ricorda il suo amico Fortunato, scomparso nel 1995 a causa della leucemia. “Andrea era un ragazzo eccezionale. Le nostre strade si sono incrociate per la prima volta al servizio del nostro Paese nelle forze armate.

Abbiamo vinto il campionato del mondo come membri della nazionale militare. Abbiamo iniziato a passare le nostre serate insieme alla Juve, dove abbiamo gustato torte e camomilla Poi si è ammalato di leucemia ed è venuto a farsi curare nella mia città di Perguia, e io ho fatto di tutto per sostenere lui e la sua famiglia, è stata una perdita importante non solo dal punto di vista calcistico, ma anche umano, perché Andrea era un ragazzo incredibile.Ravanelli si commuove anche quando ricorda suo padre.

Tutte le risorse della città devono essere impiegate nella lotta contro una malattia devastante come il diabete e le sue conseguenze.

Quando aveva 40 anni, il padre di Ravanelli si diplomò perito tecnico in modo che la famiglia potesse guadagnare 50.000 lire in più all’anno. I miei genitori mi comprarono un paio di scarpe nuove per la mia prima comunione, e le ho indossate a una partita di calcio solo pochi giorni prima. Nonostante fossero effettivamente di un mio amico, le ho portate da mio nonno calzolaio perché le aggiustasse”, ricorda la ex calciatore che proveniva da una famiglia molto disciplinata e solidale. Sono stati mesi difficili quelli in cui mi sono trasferito da Perugia ad Avellino. A 18 anni ho trovato difficile vivere in modo indipendente in un appartamento.

Ravanelli Malattia

A parte il fatto ovvio che stare lontano dai propri cari non è mai divertente, sento che le difficoltà che ho sopportato mi hanno aiutato a diventare un uomo più robusto e autosufficiente”. Misericordia, il testimonial dell’Associazione Fabrizio Ravanelli ha recentemente lanciato un messaggio di solidarietà ai diabetici Chi ha il diabete ai piedi può consolarsi con le parole di un ex malato: “Mi avrete sempre accanto anche perché la mia famiglia lo ha saputo problema e so quanto sia importante poter contare su una rete di professionisti come quelli del centro di riferimento per il piede diabetico”.

Membri Ci sono attualmente 500 membri dell’Associazione, ma si prevede che tale numero aumenterà costantemente a causa dell’aumento della prevalenza del diabete nella popolazione generale. “L’Associazione è nata per creare una rete di solidarietà attorno a una patologia che può incidere in maniera sostanziale sulla qualità della vita, con conseguenti alti costi sociali”, ha dichiarato Mario Andrea Bartolini, presidente fondatore dell’organizzazione. È stato inoltre sottolineato che nell’ultimo anno il Santa Maria della Misericordia piede diabetico clinic, diretto dalla dott.ssa Cristiana Vermigli, ha curato 4.300 pazienti ambulatoriali e 2.400 ricoverati.

Interventi successivi hanno sottolineato il valore della collaborazione, con un funzionario dell’Ospedale Duca di Perugia che ha evidenziato come “la grande scuola medica dei professionisti di una volta trova oggi concreta applicazione nella multidisciplinarietà, una rete che comprende ottimi diabetologi, medici di famiglia, podologi, farmacisti, e infermieri a supporto delle famiglie che affrontano la gestione dei pazienti con comorbilità sieronegative”. “.

Secondo il comunicato stampa, i responsabili delle pergamene avevano il compito di consegnare targhe commemorative agli operatori umanitari che hanno fatto di tutto per dedicarsi alla cura e alla prevenzione. Un ringraziamento in più va all’anziano paziente e ai suoi due caregiver. «L’epidemia di diabete si sta diffondendo a macchia d’olio, grazie a stili di vita sbagliati ea un’alimentazione squilibrata», ha sottolineato il dottor Massimo Lenti, direttore della chirurgia vascolare dell’ospedale di Perugia. Mentre la società continua a sgretolarsi, non abbiamo altra scelta che stringerci intorno ai membri più vulnerabili della società”.

Ravanelli Malattia
Ravanelli Malattia

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO
error: Il contenuto è protetto !!