Michael Bibi Malattia

Spargi l'amore
Michael Bibi Malattia
Michael Bibi Malattia

Michael Bibi Malattia – Michael Bibi, DJ e produttore con sede nel Regno Unito, ha dovuto posticipare o cancellare una serie di prossimi spettacoli a causa di persistenti problemi di salute legati all’acufene. Nonostante la delusione provata dai suoi seguaci, deve mettere al primo posto la sua salute o rischiare di danneggiare la sua carriera musicale a lungo termine.

Ieri Bibi ha condiviso un video su Instagram in cui ha discusso della sua recente visita in ospedale con i suoi medici. Oltre all’acufene, un disturbo neurologico più grave sembra essere la radice dei suoi problemi di salute cronici. “Sto bene,” disse. Per farla breve, stavo sperimentando l’acufene e, dopo numerosi test,

ho appreso che la fonte del problema risiedeva più in profondità nel mio sistema nervoso, in particolare nel mio cervello e nel tronco encefalico. Quindi, sì, i dottori non sanno ancora cosa sta succedendo o cosa sia, ma ora sono in ospedale e stanno eseguendo molti test, quindi spero di ricevere presto delle risposte e iniziare terapia e poi tornare là fuori.

Da quando gli è stato diagnosticato per la prima volta l’acufene, il capo dell’etichetta Solid Grooves ha parlato della necessità di usare i tappi per le orecchie ai concerti e ai festival. Sebbene il suo acufene e altri problemi di salute abbiano gravemente limitato la sua capacità di perseguire la sua passione, l’acclamato cantante ha mantenuto la sua visione ottimista e il suo atteggiamento grato.

Mentre affronta questa malattia continua, Bibi è fortunato ad avere il supporto dei suoi fan e dei suoi colleghi del settore. Potremmo non avere tutti i fatti in questo momento, ma teniamo le dita incrociate che il musicista di successo migliorerà presto. Con una formazione che comprende anche Fout Tet, Peggy Gou, Michael Bibi, Carl Cox e Diplo,

questo il Kappa FuturFestival di quest’anno non delude per le sue 36 ore di musica. Dopo una lunga pausa dovuta alla pandemia, è finalmente arrivata la prossima edizione del FuturFestival e l’amministratore delegato Maurizio Vitale ci ha detto: “Vogliamo ricreare quella straordinaria magia interrotta nel 2020 e consolidare il posizionamento del Festival”.

Per questo il festival torna con una svolta, allargandosi dalle tradizionali due giornate a tre dall’1 al 3 luglio, e continua a chiamarsi Parco Dora d’Italia, una vasta area post-industriale capace di incantare pubblico e dj da tutto il mondo, la sua casa. Grazie ai loro sforzi, il KFF è descritto come uno dei 50 festival da non perdere nel libro “FESTIVAL”;

questo successo è dovuto anche alla capacità del KFF di trascendere la musica e diventare un veicolo per veicolare messaggi universali, come è avvenuto nell’edizione di quest’anno grazie a Oliviero Toscani. Secondo Vitale, «è un ottimo osservatore dei nostri giorni. Facendo riferimento alla campagna realizzata da Toscani per il festival di quest’anno,

in cui il nome “Human Race” acquista un valore ancora più importante grazie alla sensibilità del KFF verso la promozione del territorio, l’innovazione tecnologica e uno sguardo attento all’ambiente, il L’amministratore delegato del festival ha dichiarato: “Considera il pubblico di KFF rappresentativo della razza umana che ha ritratto con passione e ammirazione per decenni in tutto il pianeta”.

Parlando dei nuovi impegni filantropici del Festival, il direttore artistico Luca Vitale ha dichiarato: “Quest’anno la nostra attenzione si concentra su due direzioni: la collaborazione con “Fondazione Specchio dei Tempi” a sostegno delle vittime della guerra in Ucraina, e il sostegno all’associazione “Help Olly” impegnata nella ricerca scientifica sulla paraparesi spastica,

una rara malattia genetica che ha colpito la piccola Olivia .” Uno che porterà sicuramente a una discussione su come i festival italiani si confrontano con quelli internazionali e su come, secondo Vitale, le “imprese culturali – Club & Festival” continuino a soffrire di una mancanza di istituzionalizzazione.

Michael Bibi Malattia

Eppure il modello del Kappa FuturFestival resta tra i più virtuosi di quelli visti in Italia, unendo musica e conoscenza del mondo esterno come ogni festival dovrebbe essere in grado di fare oggi. Come di consueto, la Rai ha annunciato ieri il suo palinsesto televisivo 2022-2023, che includeva la prima di The Rap Game, un concorso per talenti musicali incentrato, ovviamente,

sul genere del rap. La versione britannica, trasmessa da BBC Three e condotta da DJ Target e dal combo Krept & Konan, va in onda dal 2019; la versione americana, giunta alla sua quinta stagione su Lifetime, ha incluso artisti del calibro di Latto e Street Bud. A dirigere l’edizione locale sarà Wad Caporosso, Roshelle e Capo Plaza,

trio che ripercorre la formula vista nei talenti musicali negli ultimi anni affiancando interpreti con lo specialista del proprio campo. Non è difficile vedere che la Rai vuole incassare la rapida ascesa del genere in cima alle classifiche raggiungendo gli spettatori che spesso non si sintonizzano sui suoi canali nella speranza di colmare il vuoto lasciato dalla cancellazione di MTV Spit.

La parte più intrigante dell’annuncio, però, è che la Rai ha deciso di mettere in mostra il talent come una produzione dedicata a RaiPlay, la piattaforma di streaming della tv di stato che è statadeterminante per il successo di Una Pezza di Lundini ed è spesso visto come un’alternativa “giovane” ai tradizionali tre canali principali.

Presumibilmente The Rap Game avrà una trasmissione prima di passare a Internet, ma la vera difficoltà sarà far interessare nuovamente le persone a un talent show musicale, indipendentemente dal formato scelto. È difficile negare che le preferenze del pubblico si siano evolute e che il finale dell’anno scorso di quello che era uno dei formati principali di Sky abbia avuto i numeri più bassi di sempre della rete.

Gli aspiranti musicisti potrebbero non essere più entusiasti di vedere la crescita delle cosiddette “future leggende” solo a causa dei loro talenti intrinseci. star della musica” che, nella migliore delle ipotesi, faranno qualche apparizione allo stage sanremese.

Michael Bibi Malattia
Michael Bibi Malattia

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock
error: Il contenuto è protetto !!