Baronchelli Malattia

Spargi l'amore
Baronchelli Malattia
Baronchelli Malattia

Baronchelli Malattia – Nel settembre del 1953, Gianbattista Baronchelli, originario di Pumenengo, in Italia, decise di concludere la sua carriera di ciclista su strada professionista. Dal 1974 al 1989 è stato un atleta professionista, gareggiando ai massimi livelli di questo sport e vincendo l’argento ai Campionati del mondo del 1980 a Sallanches. Oltre alle sei vittorie consecutive dei Giri dell’Appennino, vinse anche cinque tappe del Giro d’Italia, due Giri di Lombardia e un Giro del Piemonte. Tre volte sul podio del Giro d’Italia, è stato due volte secondo e terza una volta.

Carriera

Nel 1973 vinse il Giro d’Italia e il Tour de l’Avenir, due delle gare amatoriali più importanti del mondo, in soli 45 giorni. Per quanto ne so, è l’unica persona ad aver mai compiuto questa impresa. L’anno successivo entra a pieno titolo nella squadra Scic di Carlo Chiappano. Si distinse subito, confermando le aspettative: nel 1974 arrivò secondo al Giro d’Italia, dietro solo al “Cannibale” Eddy Merckx.

Sconvolgendo la comunità ciclistica nel suo anno da esordio da professionista, il 21enne Baronchelli è stato protagonista di un Giro. Merckx ha dovuto lottare con le unghie e con i denti per mantenere la maglia rosa quando è stato superato da Fuente nella tappa cruciale delle Tre Cime di Lavaredo.

Baronchelli vinse complessivamente cinque tappe nella corsa rosa e si piazzò tra i primi tre della classifica generale al Giro d’Italia in due tempi distinti . Tuttavia, nel 1986, indossò la maglia rosa solo per due giornate totali. Riuscì a completare il Giro solo una volta, e fu costretto a ritirarsi anche dal Tour de France e dalla Vuelta a Espaa .

Spiccano due delle sue 90 vittorie in carriera: due Giri di Lombardia vinti a nove anni di distanza , sei Giri dell’Appennino consecutivi dal 1977 al 1982 , e diverse classiche del ciclismo italiano tra cui Giro del Piemonte, Giro dell’Emilia, Giro del Lazio, Coppa Placci, Giro di Romagna e Trofeo Baracchi (in coppia con Francesco Moser). Non ha lasciato il segno solo al Tour de Romandie, ma anche alla Vuelta al Pas Vasco.

Oltre al secondo posto ai Campionati del mondo del 1980, lo ricordiamo per il secondo posto al Giro di Lombardia del 1973, alla Freccia Vallone del 1978 e al Tour de Romandie del 1979. Fu l’unico italiano che riuscì a restare con Bernard Hinault, campione incontrastato dell’epoca, fino al penultimo giro, quando Hinault si staccò.

Baronchelli Malattia

Nonostante i suoi numerosi successi, deve ancora vincere alcune gare a tappe importanti. Dopo essersi ritirati dalle corse nel 1989, lui e suo fratello Gaetano aprirono un negozio di biciclette ad Arzago d’Adda, vicino a Bergamo, e continuarono a gareggiare in eventi di montagna.

I suoi amici lo chiamavano “Tista”, mentre i suoi fan lo chiamavano “Gib”. Gianbattista Baronchelli è nato il 6 settembre 1953 nella frazione di San Martino di Gusnago, nel comune di Ceresara in provincia di Mantova da genitori che erano originari della città di Bergamo. È il sesto di nove figli, con tre sorelle e quattro fratelli.

La famiglia si trasferisce in una cascina del mantovano dopo aver incontrato difficoltà economiche nell’azienda agricola. Si ammala quando ha solo quattro anni e deve trascorrere 40 giorni in ospedale. Dopo aver vissuto a Solferino e Quinzello, Gianbattista e la sua famiglia si trasferiscono nella “sua” Arzago d’Adda nel 1963.

Giovane bocciato due volte alle primarie, Baronchelli è tranquillo e reticente. Alla tenera età di otto anni raggiunse la famiglia nella fattoria, dove trascorreva il tempo tra una lezione e l’altra. Lo sport del ciclismo è chiaramente nel sangue della famiglia Gaetano, poiché il patriarca “contagia” sia il figlio Gaetano che il nipote Gianbattista, che intraprendono entrambi lo sport l’anno successivo e presto salgono ai vertici della classifica degli esordienti.

Nel 1970, quando Gianbattista Baronchelli si unì per la prima volta ai suoi compagni di studio, si distinse dalla massa per la sua passione per le avventure lontane. Sia la Rho-Baveno-Levo del 1971 che il Circuito di Bassignanese del 1971 furono vinte da lui dopo essersi qualificati da dilettante. Tuttavia, il 1973 fu l’anno della svolta, poiché vinse il Giro d’Italia amatoriale e il Tour de l’Avenir nell’arco di 45 giorni.

Nel Giro d’Italia amatoriale del 1973, Baronchelli dell’Iclas di Cinisello Balsamo difende i colori della “Lombardia A” al fianco di Gaetano. La gara parte da Arezzo. Baronchelli ha preceduto il laziale Martella nell’ultima tappa della corsa, disputata a Novegal.Per le ultime due settimane del Tour de France del 1973, il Tour de l’Avenir 1973 replica la corsa professionistica su una distanza ridotta. Il tecnico Mario Ricci ha scelto Gibi capitano della Nazionale azzurra dopo aver vinto la corsa rosa.

Dopo che i ragazzi olandesi hanno dominato le prime tre tappe, Baronchelli ha conquistato il primo posto nella tappa Pirenaica della quarta tappa. Ha anche preso la maglia di leader della corsa da Steynmair. Nella Tappa 2 finisce in seconda posizione dietro Nazabal dell’Iberia, ma hAlla fine vince la gara e porta a casa tutte e quattro le maglie di leader grazie al suo dominio.

Dopo una brutta caduta a Bordeaux, ha riportato un grave infortunio al ginocchio destro. Il medico del Tour intima a Baronchelli di ritirarsi dalla competizione, ma lui continua. Se non fosse stato per il massaggiatore di Gib, Isaia Steffano, non sarebbe riuscito a superare l’attacco della scorsa settimana di Steynmair, Bourreau e Martinez al Parc des Princes di Parigi. Baronchelli sarà affiancato sul podio dal campione del Tour de France della corsa professionistica, Luis Ocana.

Il bergamasco d’adozione, a causa delle conseguenze della caduta, non ha potuto disputare il Campionato del Mondo al Montjuich. Dopo un 1973 impressionante, fu convocato dall’allenatore Scic e soprannominato dai tifosi e dai media il “nuovo Coppi” per la stagione 1974. Anche all’inizio del Giro, le capacità di arrampicata superiori del giovane Tista, la resistenza alla velocità e la cronometro capacità di distinguersi. Il 6 giugno Baronchelli fa di tutto per continuare a sfidare l’imbattibile Eddy Merckx. Quando la corsa rosa, che partecipa alla Pordenone-Tre Cime di Lavaredo, raggiunge Misurina,

Baronchelli Malattia
Baronchelli Malattia

Leave a Comment

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ad Blocker rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO
error: Il contenuto è protetto !!